Se dall’Australia alla Germania il Cavallino ha raccolto meno del previsto con zero successi e otto podi, ma soprattutto con il sorpasso di una Red Bull in costante crescita e ora in piazza d’onore con 256 punti contro i 242 della Rossa, la Mercedes preferisce non dare per vinta la sua rivale principale delle ultime stagioni.

“Personalmente non escluderei la Ferrari dalla lotta per le prime posizioni – ha dichiarato il boss dei tedeschi Toto Wolff a motorsport.com – Di recente ha incontrato delle difficoltà e si è convertita presto al progetto 2017, tuttavia non credo sarebbe giusto sottovalutare un team dotato di così grandi risorse e passione”.

Facendo poi una comparazione con la squadra di Christian Horner, adesso diventata un pericolo, l’ex pilota austriaco ha sostenuto: “In Ungheria ci aspettavamo una gara dura e di vedere loro in forma ed invece alla fine si è rivelato l’opposto. A Silverstone siamo andate bene entrambe, mentre ad Hockenheim un po’ a sorpresa abbiamo sofferto. In pratica è impossibile definire chiaramente il potenziale di ciascuna scuderia. E’  comunque certo che il gap è stato ridotto. Oggi infatti non c’è più quella gran differenza di velocità in rettilineo”.

Infine l’amara consapevolezza: “Per due anni e mezzo siamo stati  al vertice, ma la nostra leadership non potrà durare per sempre”.

Di Chiara Rainis

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: