Il team principal Mercedes Toto Wolff ha detto la sua riguardo il mercato piloti in un’ intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, sottolineando come nei prossimi anni in Formula Uno, oltre ai cambi di regolamenti, ci potrà essere una griglia di piloti completamente rivoluzionata.

La Mercedes ha chiuso la prima parte del mondiale dimostrando la sua netta superiorità sia in pista che al muretto box, con un Gran Premio d’Ungheria vinto da Lewis Hamilton grazie alla splendida strategia del team di Brackley, il quale facendo effettuare un pit stop in più all’inglese ha scombussolato i piani di Max Verstappen e della Red Bull, riuscendo a salire sul gradino più alto del podio, nonostante l’ardua difesa dell’olandese.

 

In Mercedes però c’è una grossa decisione da prendere che pesa sulle spalle del team principal Toto Wolff, ovvero chi sarà il compagno di squadra di Lewis Hamilton nel 2020, Valterri Bottas o Esteban Ocon; il finlandese aveva iniziato il mondiale 2019 con le vittorie in Australia e in Azerbaijan, dando l’illusione di poter lottare per il mondiale con il suo compagno di squadra, dopo la vittoria di Hamilton in Spagna però, Bottas ha accusato il colpo, non riuscendo a rimanere al passo dell’inglese, terminando la prima parte del mondiale a 62 punti di distacco dal campione in carica, un po’ troppi considerando che la Mercedes è nettamente la macchina più completa e veloce in pista.

Immagine

Per questo nella mente di Toto Wolff inizia a balenare l’idea di ingaggiare Esteban Ocon, costretto ad un anno “in panchina”, in Mercedes; alla Gazzetta dello Sport il team principal tedesco ha affermato:

È una decisione difficile perché conosco Valtteri sin dalla Formula Renault ed Esteban da quando si faceva le ossa in Formula 3. C’è di mezzo il grande tema di dare una possibilità a un giovane. Nella storia recente della F.1 solo due piloti hanno brillato immediatamente con una squadra di vertice: Lewis Hamilton con la McLaren e Max Verstappen con la Red Bull. Quest’ultima è stata molto brava a concedere all’olandese il tempo necessario per crescere, prima in Toro Rosso e poi per due anni alla Red Bull. Alla Ferrari o alla Mercedes c’è una pressione altissima… detto questo, meritano tutti e due il posto”.

Immagine

Wolff ha anche chiesto il parere del campione in carica Lewis Hamilton, il quale sembrerebbe non avere certezze e preferenze:

Premetto che noi facciamo questo tipo di scelte esclusivamente in base all’interesse del team ma Lewis è con noi da tanto tempo, quindi, sì, gli ho sottoposto la nostra ristretta lista, chiedendo un suo parere: beh la pensa esattamente come noi, tutti e due per lui meriterebbero di fargli da compagno di squadra”.

Il campione del mondo 2016 Nico Rosberg, ha voluto consigliare il suo ex team principal consigliandogli lo spagnolo Fernando Alonso, già compagno di squadra di Lewis Hamilton in McLaren e la risposta di Toto Wolff non è tardata ad arrivare:

“Non vogliamo che si ripetano certe storie vissute quando i due erano insieme alla McLaren”.

Immagine

Infine Wolff ha concluso parlando di Sebastian Vettel e di cosa secondo lui farà dopo il 2020 (anno della scadenza del contratto con la Ferrari, ndr):

Non si diventa quattro volte campioni del mondo per caso, Sebastian è e resta un pilastro di questa Ferrari. Poi che cosa farà nel 2021 non lo so. Dopo il 2020 è tutto aperto”.