Quando la Force India entrò in amministrazione controllata nell’estate del 2018, nacque la Racing Point dopo che un consorzio guidato da Lawrence Stroll (padre di Lance Stroll) acquistò i beni della squadra di Silverstone.

Szafnauer, la cui squadra è passata in sesta posizione nel campionato costruttori, ha dichiarato: “Non è quello che volevamo. Volevamo sicuramente essere un po ‘più avanti in classifica. Siamo solo un punto davanti alla Toro Rosso e ben 18 dietro alla Renault, quindi sì, speravamo di finire quinti o quarti quest’anno, quindi da questo punto di vista è un po ‘deludente. Tuttavia, dopo aver guardato indietro a quello che è successo l’anno prima, quando la vettura di quest’anno era in fase di sviluppo, eravamo un po’ in tumulto, soprattutto finanziariamente, quindi non è sorprendente.” Anche Perez si dice d’accordo con quanto riportato da Szafnauer: “Non credo che abbiamo raggiunto quello che volevamo quest’anno. Ci sono molti aspetti positivi da prendere, ma il quadro generale non è dove vogliamo essere”, ha infatti detto Perez.



Szafnauer ha proseguito dicendo che secondo lui la Racing Point avrà bisogno di “un po ‘di fortuna” per scalzare la Renault dal quinto posto in campionato.

Perez è decimo nel campionato piloti, davanti ai piloti della McLaren e della Renault, nonostante la mancanza di prestazioni da parte del suo team, avendo segnato punti in ben sei delle sette gare dalla pausa estiva.

Un ottimo talento ferve quindi in casa Racing Point.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: