Leclerc è senza alcun dubbio la stella emergente in Ferrari, ma per il momento il suo ruolo nel team di Maranello è di numero 2, cioè di supporto a Sebastian Vettel.

Il team principal della Rossa Mattia Binotto ha messo in chiaro i rispettivi ruoli non appena il 21enne monegasco è arrivato in Ferrari e avendo come compagno un quattro volte campione del mondo la gerarchia sembrava chiara a tutti.

Ma Leclerc è stato sin da subito veloce, e in alcune occasioni, lo è stato più di Vettel, costringendo la Ferrari, già propensa a scelte strategiche incomprensibili, ad ovviare al problema attuando degli ordini di scuderia, ai quali il monegasco ha quasi sempre ha obbedito, ma sempre controvoglia, fino ad arrivare a disobbedire l’ordine di far di non attaccare Vettel durante il Gran Premio del Bahrain.

Binotto

In un’intervista alla BBC, Binotto si è espresso riguardo quell’ordine non eseguito e ha dichiarato:

“Fa parte del gioco, perciò bisogna abituarsi e bisogna capirli, essendo sempre intelligenti da capire quando accettarli e quando no, e per ora le cose stanno funzionando bene.”

In Bahrain, con la macchina più veloce in pista e la prima vittoria della sua carriera ad un passo, Leclerc non obbedì all’ordine di scuderia di non sorpassare Vettel, riportando il destino di quella gara nelle sue mani.

Ci sono state gare in cui era ragionevole (ordine di scuderia,ndr) e altre volte come il Bahrain in cui ho pensato che non sarebbe stato positivo obbedire perché in macchina provavo sensazioni che al muretto non potevano provare.”

“Sentivo di avere un importante vantaggio sul passo ed ero molto veloce, perciò ho trovato ragionevole farlo (sorpasso a Vettel, ndr). Capisco che loro provano a fare il meglio per la squadra però è quello che ho provato in quel momento.”

“Può essere frustrante a volte dalla macchina, ma l’importante è rimanere calmi e il lavoro mentale che sto svolgendo da quando ho iniziato la mia carriera mi aiuta molto in questo.”

“Sono ancora agli inizi della mia carriera e sono sicuro che ci sono un sacco di cose che devo ancora imparare e alcune cose che devo migliorare. Mi concentrerò su questi aspetti in modo tale da avere più momenti di svolta in futuro.”

Leclerc Ferrari F1

E sul suo compagno di squadra, Leclerc ha commentato:

“È un pilota con moltissima esperienza e averlo al mio fianco nello stesso team è molto importante perché posso crescere imparando molte cose da lui, ed è ciò che faccio dall’inizio della stagione.”

“Ma è anche una bella sfida per me provare a batterlo ed è per questo che sono qui. Voglio sempre essere il pilota più veloce in pista e metto tutto me stesso per stare davanti”, ha concluso il monegasco.

La F1 ritorna in Belgio questa settimana, dopo la pausa estiva, con Leclerc quinto nella classifica piloti con 132 punti e Vettel quarto con 156 punti e nove gare rimanenti.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: