L’accordo tra FCA e Groupe PSA va in porto andando a formare la quarta forza mondiale per vetture vendute.

Tramite un comunicato ufficiale, il gruppo FCA ha confermato le voci che la vedevano al lavoro per trovare un accordo per la creazione di un gruppo di dimensioni e risorse globali, ovvero la fusione con il gruppo francese Groupe PSA. La proprietà del gruppo dovrebbe essere suddivisa equamente al 50%, almeno inizialmente.

Le motivazioni di questo accordo sono presto dette: il settore dell’automobilismo sta attraversando un momento molto delicato. La corsa all’elettrificazione è diventata ormai la battaglia principale alla quale nessuna casa automobilistica può rinunciare. Per questo motivo l’unione dei due gruppi permetterà di condividere tecnologie, know-how, risorse e strategie atte ad affermarsi sul mercato.

FCA PSA

Il concetto chiave alla base dell’accordo tra FCA e Groupe PSA è quindi ricerca e sviluppo. L’unione dei due colossi creerebbe il 4° costruttore automobilistico per vendite annuali, stimate in 8.7 milioni di veicoli. Per avere un termine di riferimento, nel 2018 il gruppo Volkswagen era al primo posto con 10.8 milioni di veicoli venduti, seguito da Toyota (10.5), dall’alleanza del gruppo Renault-Nissan-Mitsubishi (10.3) e da General Motors (8.7) in costante calo nell’ultimo decennio.

Si stima che “[…] l’efficace allocazione delle risorse per gli investimenti di larga scala in piattaforme veicoli, sistemi di propulsione e tecnologie e la maggiore capacità di acquisto insita nella nuova dimensione del gruppo risultante dalla fusione […]” potranno portare ad un valore di sinergie annuali nel breve termine di 3.7 milioni di euro. Ciò permetterà di mantenere aperti tutti gli stabilimenti.

FCA PSA

La nuova società avrà sede in Olanda e vedrà John Elkann, attuale presidente di FCA, Presidente e Carlos Tavares, attuale amministratore delegato del gruppo PSA, CEO e membro del consiglio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: