Le gomme Pirelli con il battistrada più sottile continuano a far discutere, nonostante la proposta di tornare agli pneumatici 2018 sia stata respinta (tra i team che hanno bocciato la proposta, proprio la McLaren).

Andrea Stella, il responsabile delle prestazioni McLaren, ha dichiarato a Motorsport.com il punto di vista del team di Woking sulla vicenda gomme Pirelli di Formula 1:

Andrea Stella

Le gomme sono sicuramente un argomento difficile. Hai una certa ambizione, ottieni determinati risultati e tendi a pensare che la differenza dipenda dalle gomme. Penso che questo sia troppo semplicistico. La gente dovrebbe farsi domande più eque su ciò che sta realizzando.”

Tra i team “rivali” della McLaren che hanno voluto il ritorno delle Pirelli 2018, ci sono Haas e Toro Rosso, alle quali sembrano rivolte le parole dell’ex ingegnere di pista di Fernando Alonso:

Non sappiamo esattamente quanto siano grandi i nostri problemi rispetto a quelli che stanno affrontando altre squadre. Alcuni team alzano di più la voce a riguardo”.

L’ingegnere italiano ha concluso parlando del dominio Mercedes di questi anni:

Fa parte del lavoro capire cosa sta succedendo con le gomme. Puoi forse essere fortunato un paio di anni, ma non domini per questo“.

La scuderia di Woking, nonostante un inizio difficile, si sta confermando come quarta forza del Mondiale, dopo l’addio di Fernando Alonso e l’arrivo di Renault come motorista, la McLaren è sembrata voltare pagina e sta raggiungendo risultati inaspettati, ancora lontani dai top team e dalla vittoria, ma a partire dai suoi piloti Carlos Sainz e Lando Norris, giovani e talentuosi, il team è sulla strada giusta per tornare competitivo nei prossimi anni, soprattutto grazie ai cambi regolamentari previsti per il 2021.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: