Tutti si soffermano sempre a a parlare ed analizzare i risultati dei Top Team, ma perchè limitarsi a questo? Spesso la battaglia serrata è proprio dove meno ce lo si aspetta…

Eccoci dunque qui oggi ad analizzare e dare un voto ai team, che spesso non vengono particolarmente considerati dai più. La Formula 1.5 ovvero quella battaglia che avviene alle spalle di Mercedes, Ferrari e Red Bull è più viva che mai.

Alfa Romeo voto 4: un calando inesorabile, da Monza non è più stata la stessa. Motorizzata Ferrari, se quest’ultima è riuscita a migliorare il carico aerodinamico pur peccando ancora sotto qualche aspetto, l’Alfa invece sembra essere oramai a corti di quattrini per poter ancora sviluppare la vettura. Imperdonabile anche l’errore commesso al pit, 10 secondi circa per una ruota montata nel modo sbagliato, certo può capitare però siamo in Formula 1

 

Haas voto 4: più o meno lo stesso discorso fatto per l’Alfa vale anche per La Haas, se nelle prime gare stagionali sembravano essere competitivi (e se non altro aver risolto il problema del montaggio gomme) ora invece sembrano aver perso quella competitività tanto ricercata.

Toro Rosso voto 9: come la Red Bull un’ottima prestazione riuscendo a portare quasi a punti entrambe le monoposto, certo la pista gli era favorevole, ma mai dare nulla per scontato…

Mclaren voto 5: una delusione pazzesca. Oserei dire Ferrari 2, se nella qualifiche erano riusciti ad arrivare in Q3 in gara hanno buttato via tutto. Ottime nei primi 2 giri dove sono riuscite a piazzarsi persino davanti alle Mercedes, poi però iniziano i problemi soprattutto con Norris. “Penso che alla fermata ci fosse un problema con il dado – ha raccontato l’inglese – non ne sono sicuro, ma la squadra ha deciso andare sulla sicurezza fermando immediatamente la macchina e riportandola indietro per controllarla”. Norris poi ha illustrato anche le ragioni del ritiro“Giravo staccato di un giro e avevo tante bandiere blu che hanno reso la gara ancora più difficile. Alcuni parametri dell’auto erano oltre il limite e ci siamo ritirati per evitare ulteriori danni” ha concluso. Peccato occasione buttata e dopo Spa 2019 si chiudono le serrande con 0 punti. Rimangono i primi della classifica della Formula 1.5.

Perez Formula 1Racing Point voto 7,5: certamente “pubblicizzata” dal messicano la cui presenza di è davvero fatta sentire con un tifo a dir poco smisurato. Perez ha ottenuto un ottimo settimo posto, non certo senza combattere, questo infatti gli fa ancora più onore, certo la velocità di punta della monoposto aiuta, ma non basta per portare a casa 6 punti. Ottimo lavoro

Renault voto 8,5: dopo la squalifica nel GP del Giappone per una ripartizione automatica del bilanciamento dei freni abbiamo capito che non è una vettura facilissima da guidare, basti vedere al bloccaggio che ha avuto Ricciardo. Hulkenberg, speronato all’ultima curva dell’ultimo giro ha portato a casa 1 punto, misero a parer suo, ma tutto sommato la settimana si è chiusa per la scuderia di Enstone con un doppio piazzamento a punti.

Williams voto 4: un detto inglese dice: “disappointed but not surprised”. Ahimè questa è l’amara verità. Questo team sembra non essere mai riuscito a trovare un buon assetto e un buon telaio, nonostante monti un motore Mercedes. Anche a Città del Messico nella lotta tra le Formula 1.5 non cambiano le cose per la Williams, con i 2 piloti che per qualche curva sono anche stati intenti a combattere tra di loro.

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: