Il 28 Maggio 2018 Simone Resta, dopo 4 anni come capo progetto veicolo, lascia la Ferrari per diventare direttore tecnico .

Pensando che i suoi ultimi progetti con il Cavallino furono la SF70-H e la SF71-H, praticamente le ultime due monoposto in grado di giocarsi il mondiale con la Mercedes, sembra strano pensare che sia stato mandato via. Marchionne giustificò la partenza dell’ingegnere bolognese dicendo che doveva fare il salto di qualità, Arrivabene non era d’accordo con questa decisione, dando priorità all’interesse Ferrari, ma tant’è che Resta andò in Svizzera.

Più di un anno dopo, con una SF90-H non competitiva su tutte le piste, con ancora zero vittorie e con entrambi i campionati quasi compromessi, secondo i piani attuali, Resta tornerà in Ferrari con l’incarico di responsabile del progetto a fine estate. La monoposto 2020 è stata già impostata, ma per il 2021, anno in cui sono previste molte modifiche nel regolamento, soprattutto per quanto riguarda l’aerodinamica, il ritorno dell’ingegnere bolognese può essere solo una buona notizia per i tifosi della Rossa.