Il monegasco della Rossa dopo l’incidente con Max Verstappen alla prima curva, ha provato a rimanere in pista nonostante i danni all’ala anteriore, disobbedendo al muretto Ferrari.

Il giro successivo infatti, il pezzo rimasto attaccato alla sua ala anteriore è volato via, disintegrandosi sulle monoposto che seguivano Leclerc, rischiando di causare incidenti.

Il team principal della McLaren Andreas Seidl, ha dichiarato, dopo la gara, di essere furioso con il pilota della Ferrari, il quale ha di fatto rovinato la gara di Lando Norris, a causa dei detriti lasciati dalla SF90:

Siamo fortemente in disaccordo con i team rivali che lasciano la loro monoposto con l’ala anteriore completamente distrutta in pista, mettendo tutti in serio pericolo. Sfortunatamente Norris ha colpito un detrito, e la temperatura dei freni ha superato il limite, costringendoci a fermarlo ai box, compromettendo di fatto l’intera gara”  ha affermato Seidl a RaceFans.

Dopo la gara, su Instagram, un tifoso sul profilo di Charles Leclerc, è tornato sull’episodio del primo giro, commentando:

Quei detriti avrebbero potuto tagliare la testa di Lewis…”

A questo commento è intervenuto direttamente il monegasco della Rossa, che ha risposto:

“All’interno della macchina l’unica parte che ho notato che si stava staccando era lo specchietto, ecco perché sul rettilineo ho usato la mano per bloccarlo e non farlo volare via. Non potevo vedere altro, ho solo capito che avevo un danno all’ala anteriore, ma non immaginavo che una parte stesse per staccarsi completamente. Per fortuna nessuno si è fatto male.

A Leclerc è stata data una penalità di 5 secondi per il contatto al via con Verstappen, e di 10 secondi per essere rimasto in pista con l’auto danneggiata, facendogli terminare la gara in settima posizione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: