Probabilmente è stata una delle gare più belle degli ultimi anni, con continui colpi di scena, con condizioni meteorologiche in continuo cambiamento che hanno stravolto i valori in pista, permettendo a Sebastian Vettel, partito ventesimo, di terminare la gara in seconda posizione. Charles Leclerc partito decimo, ha dovuto ritirarsi dopo un errore compiuto in un momento decisivo della gara, il monegasco con gomme morbide su pista bagnata ha perso il controllo della sua SF90, scivolando sulla vischiosa via di fuga, finendo contro le barriere.

Il tedesco della Rossa ha commentato così la sua prestazione, che entra di diritto nella storia della Formula Uno, come una delle rimonte più incredibili di sempre:

Da ventesimo a secondo, è stata una gara lunga ma mi sono divertito tantissimo. Oggi era davvero molto difficile interpretare quale potesse essere la mossa giusta – ha spiegato Vettel nel post gara – Non penso ci fosse un problema sulla mia monoposto: semplicemente inizialmente non prendevo il ritmo con le intermedie poi è andato tutto bene. Ho cercato di superare i piloti davanti a me uno dopo l’altro. Dopo le safety car ci sono andato cauto per vedere chi realmente era più veloce di me ma alla fine ho dato tutto”.

Dall’altro lato del box Ferrari, Charles Leclerc poteva essere protagonista della gara battagliando per la vittoria con Max Verstappen, visto il ritiro di entrambe le Mercedes, però un errore decisivo gli ha rovinato la gara con un ritiro, ecco le parole del giovane monegasco:

È stato sufficiente un errore per rovinare tutto ma le vie di fuga non sono adatte. L’asfalto che c’è nelle vie di fuga non va bene, il mio errore non era poi così grave – ha spiegato Leclerc – In quella zona, ai margini della pista, c’era zero grip come se fossi sul ghiaccio. Non voglio però discolparmi dal mio errore.”

 

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: