L’ex manager di Benetton e Renault ha parlato dei due piloti Ferrari, suggerendo al team di Maranello di puntare forte su Leclerc, lasciando a Vettel il ruolo di seconda guida.

Leclerc è più veloce di Vettel. È pronto per vincere il titolo, è un predestinato. Se fossi io il team principal sceglierei lui come prima guida. Il gioco di squadra lo fanno tutti, ma sono solo chiacchiere: bisogna scegliere un pilota per il mondiale piloti e l’altro deve mettersi a disposizione, altrimenti non vinci mai. Vettel può restare perché è un bel pilota ma come seconda guida” ha dichiarato Briatore al canale GR Parlamento, durante la rubrica “La politica nel pallone”.

Ferrari, Charles Leclerc e Sebastian Vettel (foto Ansa)

(Foto Ansa)

Se questo Mondiale è ormai finito, con la Mercedes campione sia nei costruttori sia nei piloti con Lewis Hamilton, Briatore spera che la Ferrari vinca il prossimo anno:

“Speriamo possa vincere il prossimo anno, ma ogni anno dobbiamo sperare nel successivo. Per vincere il Mondiale devi essere perfetto, puoi sbagliare una gara ma a lungo termine devi essere perfetto e quando non sei competitivo fare 3° o 4°. Vincere un Mondiale è un fatto di programmazione. Se fossi il team principal della Ferrari parlerei a tutti quanti e che ognuno si prenda la propria responsabilità: un team è come la società, ma i bilanci si presentano una volta all’anno, mentre in F.1 in ogni gara e se qualcosa non va, bisogna cambiarla subito. Io credo che la Ferrari sia un team solido, ma bisogna fare delle prove di pit-stop, avere più visione su cosa succede in gara, ricordando che ci sono pure gli avversari, parlare con i piloti: certe cazz… non le possono fare, guidano la macchina del team“.

Infine il manager italiano ha parlato di Mick Schumacher e di un presunto ritorno del suo pupillo Fernando Alonso in Formula Uno:

Mick è un bravo pilota, ma non al livello del padre. Michael era un fenomeno. Auguro a Mick tutto il meglio ma non penso possa essere paragonato al papà. Alonso? Gli ho parlato: Fernando torna solo se trova un volante alla Ferrari, Mercedes o Red Bull, altrimenti non ha senso. Può tornare alla Ferrari? Se vogliono vincere sì”.

Fernando Alonso e Flavio Briatore in Renault. Immagine di Affari Italiani

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: