Sarà una griglia di partenza leggermente rivoluzionata quella del GP di Germania. Nelle fasi successive alle qualifiche i commissari hanno infatti passato al radar tutti gli avvenimenti e determinato la presenza di alcune infrazioni.

Il pilota Toro Rosso Carlos Sainz, punito con 2 punti sulla patente, sarà costretto a scattare 3 posizioni indietro rispetto al 13esimo crono segnato per aver rallentato Felipe Massa alla curva 2 nel corso del Q2.

Romain Grosjean, invece, quindicesimo sabato pomeriggio, dovrà posizionarsi sulla ventesima casella a causa della sostituzione del cambio sulla sua Haas dopo l’FP3.

Infine Nico Hulkenberg dovrà scalare di una piazza per aver infranto il regolamento relativo ai treni di gomme (2) da restituire prima delle qualifiche.  La Force India ne avrebbe riconsegnato alla Pirelli soltanto uno.

Questo quindi sarà l’ordine al semaforo: Rosberg, Hamilton; Ricciardo, Verstappen; Raikkonen, Vettel; Bottas, Hulkenberg; Perez, Massa; Gutierrez, Button; Alonso, Palmer; Sainz, Magnussen; Wehrlein, Kvyat; Haryanto, Grosjean; Nasr, Ericsson.