Eccoci qui! Abbiamo terminato l’anno 2019 parlando del Campionato Italiano Velocità Fuoristrada e raccontando di una delle sue protagoniste: a raccontarsi ora è Cristina Palandri, una delle donne a rendere rosa questo campionato.
Conosciamola insieme!

 

1. Ciao Cristina, se parliamo di motori e motorsport in cosa è impegnata Cristina Palandri.

Nel fuoristrada, più precisamente nel campionato italiano velocità fuoristrada.

2. Come è nata la tua passione per i motori? E quando hai deciso che i motori e il motorsport avrebbero fatto parte della tua vita?

Fin da piccola appassionata ai motori, mio babbo ha un’azienda agricola, e anche i trattori, poi un amico del nostro paese ha cominciato a fare questo campionato, da lì è nato un vero e proprio amore per questo ambiente. Sono stata una decina di anni a seguire tutto ma dall’esterno! Poi ho conosciuto Beatrice, la mia pilota, a una gara nel crossodromo di Cingoli. Da lì a poco mi chiese se mi andava di sostituire la sua navigatrice che per un’impegno non avrebbe potuto partecipare a una gara; da quel momento facciamo coppia fissa. Ora come ora non saprei come fare senza le gare!

3. Partecipi a un campionato davvero interessante e purtroppo non molto conosciuto, il Campionato italiano velocità fuoristrada, aiutaci un po’ a conoscerlo, di cosa si tratta e come mai hai scelto di parteciparvi.

È un campionato stupendo… un misto tra vera velocità e tanta tanta tecnica a tempo; cioè chi va più veloce vince! Ci sono varie classi che suddividono i nostri fuoristrada, dato che vi sono diversi tipi di motori che partecipano, e ci sono piste molto diverse… alcune di tipo naturale, ad esempio la famosa pista del Dragone a Palagano, dove ci sono solo alcuni tratti che si trovano sempre in gara; ad esempio il dente e i salitoni, veri ostacoli da superare, se non riesci c’è un passaggio alternativo, ma equivale a perdere tempo! Oppure ci sono i crossodromi, dove bisogna avere una guida bella pulita e studiare tutte le traiettorie! Tanta tanta adrenalina!!!! E poi le persone che fanno questo campionato sono spettacolari, al sabato sera tutto insieme a fare festa, e se si ha bisogno ci si dà una mano! Abbiamo un sito e la pagina Facebook, C.I.V.F. By fif , offroad e show e la nostra è Carlotta Corse! Si possono trovare notizie sul sito di Aci sport! È una disciplina bellissima peccato che sia poco conosciuta e non molto frequentata, e questo è davvero un peccato! Vi posso garantire che quando una persona viene a vedere una gara del nostro campionato ne verrà a vedere delle altre, si conosce gente e ci si sente come in una grande famiglia!!!! Vi aspettiamo…

4. Hai mai pensato di passare dallo sterrato al rally o al circuito? Ti piacerebbe?

Mi piacerebbe molto provare a fare dei rally sia da navigatrice che da pilota, ma purtroppo non ne ho mai avuta l’opportunità! Stiamo pensando a fare qualche gara diversa… ma bisogna trovare sponsor, essendo ragazze è molto più difficile trovare qualcuno che crede e investe in noi!

5. Il mondo dei motori è un mondo che nasce maschile, ma ora per passione e competenze le quote rosa stanno aumentando, spiegaci un po’ cosa ne pensi e la tua esperienza tra difficoltà e vantaggi, collaborazione e conflitti con la sfera maschile dal punto di vista della preparazione. Hai qualche aneddoto da raccontarci?

Sfatiamo il mito subito “donna al volante, pericolo costante” secondo me le donne hanno una marcia in più rispetto ai maschietti… infatti noi corriamo in un campionato dove uomini e donne sono uguali, è vero siamo svantaggiate meccanicamente, questo non si può negare, però ci arrangiamo, e quando siamo in difficoltà, troviamo sempre chi ci aiuta! In questo ambiente c’è di bello che non fanno differenza tra uomini e donne, questa è una delle cose che mi piace di più!

6. Cosa ne pensi dell’attuale ruolo delle donne nel mondo dei motori e del motorsport e delle iniziative che stanno nascendo? Tu cosa faresti per avvicinare bambine e ragazze?

Prima di tutto vorrei dire alle ragazze che i fanghi che facciamo noi in pista fanno molto meglio di quelli delle spa… che se si frequenta e si fanno gare di motori non siamo considerate maschiacci, siamo sempre ragazze, anche a noi piace metterci la gonna e i tacchi, ma infilarsi la tuta e le scarpe da corsa è molto più emozionante!

7. Far combaciare vita lavorativa e quotidiana è sempre difficile, a maggior ragione se ci sono weekend in pista e gare, come riesci a conciliare il tuo lavoro e la tua vita “da donna”?
Conciliare tutto è davvero difficile, ma cerco sempre di fare del mio meglio per fare tutto e nel migliore dei modi!

8. Cristina tra ieri e domani…una vittoria già conquistata e un sogno per il futuro

Abbiamo vinto nel 2018 la formula Offroad del Campionato Italiano Velocità Fuoristrada by F.i.f.
Per il futuro spero di continuare a correre e magari poter fare delle gare di rally e magari da pilota, di continuare a crescere e provare altre discipline.

9. In ultimo scrivi una frase che ti rappresenta

 

La frase che mi rappresenta è una frase di Oscar Wilde
“Date alle donne occasioni adeguate ed esse possono fare tutto”

Ringraziamo Cristina Palandri che ci ha parlato a cuore aperto della sua passione e della partecipazione a questo campionato affascinante come il C.I.V. Fuoristrada.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: