RAGIONAMENTI POST-QUALIFICA. GP DI RUSSIA 2018

La Ferrari a Sochi si mostra per la prima volta con il fianco scoperto. Dopo due gare di fila dove poteva essere considerata la favorita, in Russia è stato evidente il disagio della rossa tra le curve tortuose del circuito rispetto alla Mercedes. La stella a tre punte sembra aver risolto i suoi problemi e sembra muoversi agevolmente nella parte guidata di pista. 

A causa di una mano pesante che ha agito a bordo vettura e specialmente su quello che è l’assetto aero-meccanico, sembra che nella squadra di Maranello sia stato difficile settare correttamente la monoposto dopo l’evoluzione dell’ala frontale. E’ pensabile che una superficie deportante anteriore molto più carica abbia avuto un buon effetto per la deportanza, ma anche qualche implicazione negativa dovuta allo spostamento del fuoco aerodinamico rispetto al baricentro della vettura. 

Certo non tutto è ancora scritto visto che si è presentata una prima sorpresa durante il weekend russo. Vettel potrebbe infatti approfittare di una doppia scia per attaccare un Hamilton che non è riuscito a prendersi la prima posizione. Come detto nell’articolo riguardante il valore della scia aerodinamica, al seguente LINK, a Sochi ci sono ottime possibilità di sorpasso già nel primo giro. I due rettilinei della pista sono tra i più lunghi del mondiale e il pilota inglese sà di doversi difendere dall’attacco del ferrarista. 

Da questo punto di vista, forse, il risultato di oggi apre a possibilità non trascurabili e, se mai fosse riuscita a prendersi il primo posto, la Ferrari avrebbe potuto solo difendersi alla partenza. Ora ha molte armi per attaccare. Del resto, proprio durante il 2017 è stato possibile assistere al sorpasso di Bottas ai danni del poleman Vettel, proprio sul primo rettilineo.

inoltre, tra le curve difficili ed insidiose di questa pista sarà necessario il flusso più pulito possibile. Domani, domenica, non vincerà solo il migliore, ma colui che riuscirà a star davanti al primo giro per rovinare la corrente d’aria agli avversari. Se riuscisse il sorpasso di Vettel alla prima curva, potrebbe essere proprio lui a guastare i piani di Lewis Hamilton.

La Ferrari non è di certo scomparsa e domani ha buone chance di rivalsa. Penso che Sebastian possa essere più agevolato rispetto ad Hamilton e per lui, in caso di pole, sarebbe stato ancora più difficile difendersi da una Mercedes cosi efficace e veloce. 

Staremo a vedere. A presto con nuovi aggiornamenti!

Di Aimar Alberto

Lascia un commento