Preview Gp Australia 2018: Ferrari, pronti per la prima tappa del mondiale

Il circuito australiano dell’Albert Park sarà il primo banco di prova per le squadre dopo i test spagnoli.

Ormai ci siamo. Finalmente siamo entrati nella settimana dove nel weekend ci attenderà il primo Gran premio stagionale nella terra dei canguri, cioè in Australia. Dopo i test conclusisi il 9 marzo sul circuito catalano del Montmelò, le squadre hanno avuto modo di analizzare i dati raccolti nelle due settimane di test precampionato, cercando eventuali contromisure ai problemi riscontrati durante le simulazioni di qualifica e gara e quali aree hanno necessità di ulteriori miglioramenti. Ora l’Albert Park sarà il primo esame che le squadre dovranno affrontare in questo inizio di campionato. Lo è soprattuto per Ferrari che vuole scacciare i dubbi sorti sulla sua competitività e dimostrare di poter giocarsela fin da subito con la Mercedes

I primi membri del team sono partiti venerdì scorso, gli ultimi arriveranno a metà settimana. Una trasferta così lunga, sedicimila chilometri e un giorno intero di viaggio, non si improvvisa. Soprattutto se è la prima del campionato. Tanto è vero che in Australia, per la squadra, gli orari sono quelli “operativi” già al mercoledì. Quando la F.1 correva ad Adelaide (altro circuito cittadino, ma molto più corto e lento) il Gran Premio di Australia era solito chiudere la stagione. Adesso la apre. A Melbourne la F.1 “moderna” corre dal 1996, ma il circuito era già attivo negli anni ’50. L’atmosfera, i prati, il profumo degli alberi di eucalipto e il fascino della città lo hanno reso da subito popolare presso il pubblico e gli addetti ai lavori, tanto da far dimenticare che nell’Ottocento, prima che venisse realizzato il lago artificiale, l’area era stata usata anche come… discarica per rifiuti.

Tecnicamente, la pista presenta caratteristiche particolari soprattutto per via dell’asfalto, visto che si tratta di un tracciato semipermanente. Un bel mix di frenate, tratti veloci e sezioni più guidate che mettono a dura prova la trazione. Anche all’altro capo del pianeta, la Scuderia Ferrari ha di che sentirsi a casa. La comunità italiana, infatti, è la seconda più numerosa dopo quella anglosassone nell’area urbana; e l’immigrazione non si è fermata, anzi è ripresa, negli ultimi anni. Non è per niente inconsueto sentirsi apostrofare nella nostra lingua, ma Melbourne è anche una città cosmopolita e multietnica. Tutta da godere, per chi ha il tempo di farlo…

Di seguito Sebastian Vettel ci illustra brevemente i particolari del circuito australiano, prima tappa del mondiale 2018.

Di Giuly Bellani

Giuly Bellani

Sono una ragazza appassionata di F1 e Motorsport.

Lascia un commento