GT3 IMOLA GARA 1 E GARA 2 ALL’INSEGNA DI FERRARI ED AUDI

Partito l’appuntamento n. 1 del campionato Italiano GT ad Imola, in tutto 7 week end di cui uno anche al circuito di Le Castellet fra 15  giorni per un totale di 14 Gare. In tutto solo 15 vetture al via per un campionato che meriterebbe molto di più e sul quale c’è da spendere qualche parola; come è possibile non riuscire a pubblicizzare adeguatamente un evento così affascinante? Pochissima promozione e d una diretta su Rai Sport che non viene anch’essa promossa sulle reti interne alla RAI; il collegamento che parte pochi minuti prima del via senza adeguate riprese ai box; interviste ai partecipanti, video etc. come d’altronde viene fatto per altri campionati da altre televisioni; questo comportamento da parte di ACI  e RAI è avvilente…

In gara 1 poche emozioni, il Team Scuderia Baldini parte dalla pole di Giancarlo Fisichella che stampa in qualifica il tempo di 1:40.679 seguito da Marcel Fassler di Audi Sport Italia a soli 26 millesimi; più staccato Zampieri Daniel di Antonelli Motorsport su Lamborghini a circa mezzo secondo. Alla partenza Fisichella si porta davanti conservando la posizione, ricordiamo il nuovo format delle gare durata allungata a 56 minuti + 1 giro, Giancarlo ha girato con un ritmo insostenibile per gli avversari che gli ha permesso di dare la sua Ferrari 488 a Stefano Gai con un vantaggio di oltre 20 secondi. Alcuni colpi di scena arrivavano poco dopo la partenza con un contatto tra Palma e Mancinelli, che costringe quest’ultimo al rientro ai box, e un drive through comminato a Zampieri, che si ritrovava così negli ultimi posti, per aver superato Fassler (Audi R8 LMS) al via prima della linea di partenza che in seguito è dovuto entrare al box per una foratura. Posizioni bloccate e qualche duello fino a quando per un testa-coda alla Piratella di Alessandro Perullo (Antonelli Motorsport Lamborghini Huracan) entrava la Safety-Car e si parzializzavano tutti i distacchi; alla ripartenza Stefano Gai, a cui Fisichella aveva ceduto il volante, aveva un buon margine su Lorenzo Veglia (Antonelli Motorsport Lamborghini Huracan) un gap che però è andato via via assottigliandosi a causa di un problema ad una gomma anteriore della Ferrari 488 che aveva perso bilanciamento; tra l’altro Gai alla ripartenza dopo il cambio pilota aveva anticipato di mezzo secondo e gli è stata comminata quindi una sanzione uguale; si è trovato quindi nella situazione di dover tenere i denti stretti e reagire agli attacchi della Lamborghini. Al terzo posto Stefano Comandini e Alberto Cequi, un primo stint di Comandini con una vettura che sembrava andare a tratti, poi un errore del Pilota Romano, che è stato a lungo ingaggiato con Palma per il podio, gli faceva perdere 6-7 secondi quando stava cercando di recuperare; stint di Cerqui con un buon passo ed un 3° posto arrivato dopo la penalizzazione (5 sec.) di Palma Andrea (Petri Corse Lamborghini Huracan) per un contatto ad inizio gara. Stefano Gai vince così gara 1 con un vantaggio su Martin Vedel (Antonelli Motorsport Lamborghini) con solo 0,944 sec. di vantaggio.

Gara 2 condizionata anch’essa dalla safety-car entrata per un incidente alla Bmw condotta da Stefano Comandini. Bar Baruch (Audi Sport Italia) parte in pole e tiene il comando per tutta la gara anche dopo aver ceduto il volante a Marcel Fassler; In difficoltà all’inizio Stefano Gai che deve resistere agli attacchi della Lamborghini di Altoè Giacomo che corre con Daniel Zampieri; si forma così un gruppo di vetture, le prime cinque, compresa la Bmw condotta da Cerqui, che si sfidano apertamente per il successo finale; da tenere presente però che ci saranno scontare le penalità di 15 sec. per il vincitore di gara 1; 10 per il secondo e 5 per il 3°. La’Audi non dovendo scontare nessuna penalità ed in testa è la favorita per il successo finale. Scattano i cambi e le posizioni diventano più chiare fino a quando la safety-car per l’incidente di Stefano Comandini (che viene portato in ospedale solo per cautela) non rimescola le carte e da modo a Giancarlo Fisichella (a cui Stefano Gai ha ceduto il volante) di mettere in mostra il suo talento; una sorta di Fisichella-Show con il pilota Romano che effettua sorpassi ed anche qualche fuori pista, fino ad agguantare il 2° posto finale dietro all’Audi Sport Italia.

Un week end emozionante soprattutto su un circuito sempre affascinante; ritorneremo sul Campionato Italiano GT con delle considerazioni e notizie ed indiscrezioni.

Marco Asfalto

Lascia un commento