F1 I Domenica si torna in pista: guida al GP d’Australia

Il mondiale 2019 parte a Melbourne nel segno dell’ennesima sfida tra Ferrari e Mercedes

L’attesa è finita. Domenica si inizia da Melbourne con un mondiale 2019 nuovamente all’insegna del duello tra Ferrari e Mercedes, con Red Bull pronta a fare da terza in comodo. Questo è lo scenario che dominerà il campionato, mentre le squadre minori vogliono emergere tentando di avvicinarsi ai grandi. Ne è un esempio la Renault, volenterosa di insidiare i bibitari con una coppi di piloti fortissimi come Hulkenberg e Ricciardo, o l’Alfa Romeo Racing di Raikkonen e del nostro Giovinazzi. Gli spunti di interesse sono tantissimi, con la SF90 concepita a Maranello che sembra essere attualmente il punto di riferimento, ma mai sottovalutare le frecce d’argento attualmente imbattute nell’era ibrida.

Proprio per questo, il favorito numero uno non può che restare Lewis Hamilton, cinque volte iridato ma ancora affatissimo di vittorie. Il britannico ha un feeling particolare con l’Albert Park, avendo staccato 7 pole position, ma la cosa impressionante è la sua striscia consecutiva che dura dal 2014 ad oggi. Per quanto riguarda le vittorie, ne sono arrivate solo un paio: con la McLaren nel 2008 ed in Mercedes nel 2015. L’attuale re di Melbourne è Sebastian Vettel, forte del trionfo con la Red Bull nel 2011 e delle affermazioni con la Ferrari nel biennio 2017-2018. Il tedesco ha tutte le carte in regola per proseguire la sua striscia vincente, dato che la vettura sembra essere quella perfetta per farlo.

Il tracciato è molto particolare, ungo circa 5,3 km. Il tipo di pista, con molte curve e pochi rettilinei lunghi, rende necessario un alto carico aerodinamico, che causa soprattutto un notevole consumo degli pneumatici. Alla fine del rettilineo principale, si raggiungono quasi i 330 km/h che risultano essere la velocità più alta raggiunta in questa pista. Dallo scorso anno, i punti di attivazione del DRS sono stati portati a tre: il rettilineo dei box, quello dopo la curva Jones e prima dell’Ascari. La configurazione è cittadina e si utilizzano le strade aperte alla visibilità ordinaria, dunque sono piuttosto complicati i sorpassi e questo rende la qualifica fondamentale.

Di seguito riportiamo gli orari del week-end:

Palinsesto Sky (Dirette)

Venerdì 15 marzo
Libere 1 – ore 2:00
Libere 2 – ore 6:00

Sabato 16 marzo
Libere 3 – ore 4:00
Qualifiche – ore 7:00

Domenica 17 marzo
Gara – ore 6:10

Palinsesto TV8 (differite)

Sabato 16 marzo
Qualifiche – ore 14:00

Domenica 17 marzo
Gara – ore 14:00