F1 | Ecco come cambia la Mercedes per il 2019

La W10 usufruirà di un assetto neutro ricalcando i concetti della monoposto precedente

Dopo le prime indiscrezioni sulla nuova Ferrari ne sono arrivate altrettante sulla Mercedes. La W10 avrà l’arduo compito di proseguire la striscia iridata del team di Brackley, con l’obiettivo di eguagliare il record di 6 titoli costruttori consecutivi ottenuto dalla casa di Maranello tra il 1999 ed il 2004.  Le nuove regole riguardanti le ali anteriori e posteriori potrebbero essere molto favorevoli alle frecce d’argento, in quanto esalteranno gli assetti neutri penalizzando il rake tipico della Red Bull.

Paolo Filisetti de ”La Gazzetta dello Sport” ha evidenziato che chi come la Mercedes utilizza un’inclinazione di 1,2 gradi dell’angolo di attacco del fondo, sarà meno intaccato dalla semplificazione delle ali, che risulteranno più larghe e prive di profili aerodinamici. La nuova W10 manterrà invariato il passo vettura anche se verrà adottato un nuovo telaio che sarà leggermente più lungo rispetto al vecchio modello iridato. Anche la sospensione posteriore sarà modificati ed affinata, dopo il totale rifacimento che era avvenuto nella seconda parte della stagione scorsa. Le fiancate saranno ulteriormente arretrate mentre una sorta di rivoluzione riguarderà la power unit.

Sono noti i grandi miglioramenti al banco che sta ottenendo la Ferrari, dunque la Mercedes ha pensato di rifare totalmente l’unità. Sembra in atto un grande potenziamento della parte ibrida, con una fase migliorata di massima potenza e tempi minori di ricarica. Saranno mantenuti i cerchi forati al posteriore, soluzione che sta copiando la Red Bull e non la Ferrari. Dunque una Mercedes che sta decisamente affilando le armi quando manca solo un mese alle presentazioni delle nuove monoposto.

Vedremo se queste indiscrezioni saranno vere o solo  speculazioni di precampionato, che in genere riempiono i giornali e siti web in questo periodo.

Lascia un commento