F1 – Continua il caso Mercedes: i più grandi fori potrebbero generare un effetto aerodinamico

Senza fine la telenovela riguardante i cerchi forati sulle frecce d’argento

La Mercedes correrà anche oggi come in Messico e negli Stati Uniti con i fori chiusi, ma la strategia attuata da Toto Wolff e dai suoi uomini è davvero molto scaltra: per evitare reclami e dunque rischi di squalifica, sulle W09 vengono montati i fori aperti nel corso del venerdì, così da provare diverse soluzioni ogni week-end nella speranza di trovarne una perfettamente conforme al regolamento tecnico. Ad Interlagos è arrivata una versione leggermente modificata, con un offset che ora è ricco di di scalanature vicino ad ognuno dei fori, rendendo essi molto più grandi.

FOTO COPYRIGHT AUTOMOTORUNDSPORT

È comunque davvero assurdo che una soluzione assolutamente irregolare possa essere continuamente portata in pista nelle libere, così da cercare di renderla man mano più vicina alla regolarità ed in grado di migliorare in maniera grigia le prestazioni della vettura. Non è un mistero che da Monza in poi la Mercedes sia diventata imprendibile per tutti, fin quando i fori non sono stati chiusi ad Austin ed in Messico dove infatti Ferrari e Red Bull l’hanno fatta da padrone.

Ora Mercedes sta addirittura allargando questi famosi fori, tentando di creare una funzione aerodinamica statica in modo da rimanere nelle regole.

Ormai il mondiale è stato chiaramente compromesso da tutti i giochi messi in atto da Mercedes e FIA, eppure ricordiamo una cosa: quando la Ferrari con Schumacher dominava si fece di tutto per rallentarla.

L’impresa funzionò solo nel 2005, dopo anni di trionfi rossi. Ora sembra invece che sia la stessa FIA a voler far proseguire il ciclo Mercedes, per ragioni del tutto oscure.

Lascia un commento